I QUESITI DI SPINA E PJ

DIVERTITI CON LA DOMOTICA

1

Spina e PJ hanno un salotto di 10 metri quadrati con una sola luce. Spina ha collegato la TV, il decoder, la consolle di gioco, lo stereo e ora vorrebbe collegare il lettore DVD ma non ha più punti prese, di che livello è l'appartamento in cui si trovano?

  • Risposta
    • L’appartamento è di livello 1 in quanto già dal livello 2 sono prescritti minimo 5 punti presa e 2 punti luce. Supponendo che le altre parti dell’impianto rispettino i requisiti della norma , l’appartamento è dotato di un impianto di livello 1 in quanto il soggiorno è dotato di un unico punto luce. Si consiglia di fare installare le ulteriori 5 prese nella predisposizione prevista accanto alla presa TV.
      Dotazione: punti prese in soggiorno
2

Spina e PJ stanno guardando un film alla tv, nel loro appartamento di 110mq. All’improvviso si verifica un blackout. Per cercarne le cause, sono aiutati nel percorso verso il quadro elettrico dall’illuminazione di sicurezza fornita da due lampade. A che livello minimo appartiene l’impianto?

  • Risposta
    • Supponendo che le altre parti dell’impianto dell’appartamento rispettino i requisiti della norma esso è di livello 1 in quanto, essendo superiore a 100mq, 2 dispositivi per l’illuminazione di sicurezza è la richiesta minima applicata appunto al livello 1.
      Dotazione: illuminazione di sicurezza appartamento
3

Spina e PJ vogliono preparare un toast per cena. Quando cercano di collegare il tostapane alla rete elettrica nel piano di lavoro della loro cucina, però, si accorgono che non hanno a disposizione altre prese in cucina oltre a quelle già utilizzate per collegare frigorifero, forno, lavastoviglie e macchina per il caffè espresso. A che livello dovrebbe appartenere l’impianto se volessero collegare contemporaneamente anche il tostapane?

  • Risposta
    • L’impianto per come è descritto non è a norma, in quanto già dal livello 1, in cucina vengono richieste almeno 5 prese, delle quali almeno 2 installate sul piano di lavoro.
      Dotazione: prese in cucina
4

Spina e PJ vogliono collegare i loro dispositivi ad internet utilizzando la rete che hanno trovato installata nella loro casa di 110mq. A che livello minimo dovrebbe appartenere l’impianto per poter collegare 2 pc senza dover scollegare i due telefoni?

  • Risposta
    • La totalità dell’impianto deve rispettare i requisiti per il Livello 3
      Dotazione: prese dati/telefono appartamento
5

Spina e PJ vogliono cambiare casa. Visitano un appartamento di 70mq che, a detta dell’agente immobiliare, è appartenente al livello 3 di dotazione impiantistica perché, oltre ad essere dotato di campanello, videocitofono ed antintrusione, adotta un sistema domotico per integrare il controllo delle luci e degli scenari. E’ vero ciò che dice l’agente?

  • Risposta
    • No perché sia di livello 3 è necessario che siano implementate almeno 4 funzioni che dialoghino tra di loro. Inoltre dovranno essere rispettati tutti i requisiti richiesti dalla norma per il livello 3.
      Dotazione: funzioni impianto
6

Spina e PJ sono a spasso nel parco quando vengono sorpresi da un temporale. Arrivano a casa bagnati sperando in una serata davanti al loro nuovo impianto Home Theatre. Putroppo però una sovratensione causata dal temporale ha danneggiato il costosissimo impianto. Spina scruta PJ e lui capisce che non avrebbe dovuto risparmiare sull’impianto elettrico, ma avrebbe dovuto installare SPD. Gli SPD sono obbligatori? Se sì per quale livello e perché?

  • Risposta
    • Per tutti i livelli gli SPD sono obbligatori in caso di rischio di vita per le persone. La protezione delle apparecchiature invece è obbligatoria solo per il livello 3.
      SPD obbligatori per il danno economico sul livello 3
7

Spina e PJ arrivano a casa con l’ultimo modello playstation, ma al momento di giocare si accorgono di non avere prese libere accanto alla tv. Allora spina realizza un “castello” di adattatori fuori norma, collega la play e cominciano a giocare. Dopo poco tempo un surriscaldamento sugli adattatori fa prendere fuoco all’imballo della playstation che era stato abbandonato vicino. Che cosa prescrive la norma CEI 64-8 a questo riguardo? Perché? Una volta spento l’incendio chiamano l’installatore di fiducia il quale dice che ci vuole il muratore perché manca la predisposizione.

  • Risposta
    • La norma chiede per tutti i livelli la predisposizione di almeno 6 prese accanto alla presa TV principale dell’appartamento, proprio per evitare questi problemi e per permettere un facile aumento del numero di prese qualora necessario.
      Predisposizione di 6 prese accanto alla presa TV
8

PJ fa la doccia e spina guarda in tv il suo programma preferito. Una volta uscito dalla doccia si asciuga i capelli con il phon, provocando un sovraccarico. In quel momento infatti il boiler elettrico stava scaldando e la lavapiatti era in funzione. Scatta l’interruttore del gruppo integrato e spina perde la sua trasmissione e abbaia. Se avessero scelto un impianto di livello 2 o 3 ciò sarebbe successo?

  • Risposta
    • Dal livello 2 è obbligatorio un gestore carichi che staccando i carichi non prioritari evitano il supero della potenza contrattuale
      Gestione carichi (previsto dal livello 2)
9

Temporale, salta la luce. PJ nel tentativo di riarmare l’interruttore generale nel quadro di unità abitativa inciampa in Spina che abbaia. Che cosa manca a questo impianto per essere a norma?

  • Risposta
    • La lampade ad accensione automatica in caso di mancanza tensione
      Lampade ad accensione automatica
10

Spina sta cucinando. Improvvisamente viene a mancare completamente l’alimentazione all’appartamento per un guasto al forno. PJ deve andare a riarmare l’interruttore differenziale generale nel sottoscala. Di che livello è l’impianto?

  • Risposta
    • L'impianto non è conforme alla norma perché, per tutti i livelli, è prescritto che, quando l'interruttore generale è un differenziale, esso deve essere di tipo selettivo. Se l'impianto fosse stato realizzato conformemente alla norma, il guasto al forno avrebbe causato solo lo scatto di un interruttore derivato e non di quello generale nel sottoscala.
      Scatti intempestivi
11

Spina e PJ hanno una corridoio di 6 metri. Spina vorrebbe collegare l’aspirapolvere alla presa in prossimità della porta ma non è disponibile perché già occupata da una spina di alimentazione di una lampada già inserita. Collega l’aspirapolvere ad una presa esterna al corridoio . Di che livello è l’impianto?

  • Risposta
    • L’impianto non è conforme alla norma in quanto, nel caso di corridoi di lunghezza maggiore di 5 mt, il livello minimo di punti presa previsto è di 2 per qualsiasi livello.
      Dotazione: punti prese in corridoio
12

La casa di Spina e PJ è inferiore ai 75mq, si accorgono che hanno più elettrodomestici in casa e che, se vogliono far funzionare il condizionatore sono costretti a non utilizzare il forno e altri elettrodomestici contemporaneamente. Decidono pertanto di portare il contratto da 3 kW a 4,5 kW. L’impianto elettrico è a norma, lo possono fare ?

  • Risposta
    • Non è detto, devono chiedere ad un elettricista di verificare la portata dei cavi installati. La norma obbliga il dimensionamento dell’impianto a 6 kW solo per appartamenti superiori a 75mq, mentre per appartamenti fino a 75mq il dimensionamento minimo è di 3 kW.
      Dimensionamento dell’impianto
13

Il centralino dell’impianto elettrico ha solo un interruttore differenziale (quello con il tasto di test, per intenderci, e che salva la vita in caso di contatto diretto e indiretti). L’impianto è a norma?

  • Risposta
    • NO, l’impianto non è conforme alla norma in quanto essa obbliga l’installazione di almeno 2 interruttori differenziali. Questa soluzione garantisce la funzionalità di almeno una parte dell’impianto, evitando il black out completo dell’abitazione, in caso di intervento di uno dei due differenziali.
      Doppia protezione differenziale
14

PJ vuole essere sicuro di levare tensione all’intero appartamento è costretto ad agire su più interruttori. L’impianto è a norma?

  • Risposta
    • NO, dovrebbe essere sufficiente agire su di un unico interruttore chiaramente identificato. La norma infatti prescrive l’installazione di un interruttore generale nel quadro di appartamento, posto in una posizione facilmente accessibile all’utente.
      Presenza di un interruttore generale accessibile all’utente
15

Spina ha un impianto elettrico di livello 1, ha appena comprato un impianto Hi-Fi (mega costoso) e ha scoperto che potrebbe proteggerlo da guasti provocati dai fulmini con un prodotto da inserire nel centralino. Si accorge però di non avere più spazio all’interno del centralino. Il suo impianto è a norma?

  • Risposta
    • NO, secondo la norma il centralino deve avere uno spazio libero (pari al 15% dei moduli installati) per consentire l’aggiunta di ulteriori dispositivi, e quindi di nuove funzionalità. Per potere nel tempo arricchire l’impianto di nuove funzionalità (gestione carichi, sistemi di riarmo, sistemi di protezione ecc.) è consigliabile installare un centralino con almeno 24 moduli.
      Spazio disponibile nel quadro elettrico dell’appartamento.
16

PJ si arrabbia con Spina perché dimentica sistematicamente le luci sul balcone accese. Spina si difende dicendo che lui non può sapere se sono accese o spente perché non e in grado di andare sul balcone da solo a verificarlo. L’impianto è a norma?

  • Risposta
    • NO, in tutti i livelli d’impianto è previsto che qualsiasi punto di comando delle luci esterne sia dotato di spia di segnalazione. Questo evita di dover uscire per verificare se la luce è accesa o spenta …. Brrrrr, d’inverno è indispensabile, dice PJ.
      Segnalazione stato luci esterne
17

Spina e ospite a casa di un amico e dopo averla girata un po’ dice a PJ: “Però, che comoda questa casa, quando devo entrare in una stanza riesco subito a trovare il comando della luce perché si trova sempre in prossimità della porta …. non come a casa nostra. L’installazione dei punti di comando in prossimità delle porte è una buona prassi installativa o è un requisito di norma?

  • Risposta
    • L’installazione dei punti di comando in prossimità delle porte è un requisito di norma.
      Posizionamento di prese e comandi
18

PJ decide di rifare l’impianto elettrico e i preventivi dei 3 installatori che ha interpellato sono estremamente differenti l’uno dall’altro, sia nelle dotazioni che, di conseguenza, nel prezzo e non è in grado di compararli. Che cosa avrebbe potuto fare per poter comparare i preventivi e valutarli più oggettivamente?

  • Risposta
    • PJ avrebbe potuto decidere prima il livello di impianto da installare e avrebbe dovuto richiedere i preventivi con la dotazione prevista dal livello scelto.
      Livelli dell’impianto
19

Un amico di PJ gli dice che lui all’uscita di casa, premendo un solo tasto è in grado di inserire l’allarme, spegnere tutte le luci di casa, abbassare tutte le tapparelle e attivare il riscaldamento in economy. PJ che oramai è un esperto gli dice, complimenti il tuo impianto è di Livello 3. Ha ragione?

  • Risposta
    • SI, perché è evidente che l’impianto gestisce almeno 4 funzioni. Ovviamente dando per scontato che l’impianto rispetti tutti gli altri requisiti di norma.
      Livelli dell’impianto
20

PJ vuole mettere alla prova le conoscenze di Spina e gli chiede: “se è possibile gestire la temperatura in maniera differenziata per ogni stanza, l’impianto è sicuramente a Livello 3 ?”

  • Risposta
    • No, non necessariamente. E’ possibile che l’impianto sia dotato di singole funzioni avanzate senza necessariamente essere di livello 3. Per essere considerato domotico l’impianto deve gestire almeno 4 funzioni e queste devono poter “dialogare” tra di loro. Ovviamente dando per scontato che l’impianto rispetti tutti gli altri requisiti di norma.
      Livelli dell’impianto